Impressioni sulla Scandinavia in breve

I Paesi nordici: Danimarca, Svezia, Norvegia, Finlandia, Islanda

23/05/2023 | Di Claudio_VL | Commenti: 0



(Islanda)

Durante la tradizionale visita natalizia / pasquale / estiva in Italia, all'italiano medio che vive all'estero capita spesso di parlare con amici e parenti di viaggi, che danno per scontato che se uno vive all'estero avrĂ  orizzonti piĂą ampi e viaggerĂ  di piĂą. (Mica vero, ma non ne parleremo oggi.)

L’italiano che vive all’estero perciò si prepara in anticipo per domande tipo "qual e' il posto più bello che hai visto?", o "qual e' il momento che ti ricordi meglio?", ma alcuni amici pongono domande più specifiche, tipo "quale Paese della Scandinavia ti e' piaciuto di più?". Quando riceve domande del genere, l'italiano uomo/donna di mondo si rende conto che 1) non e' preparato per l'interrogazione, e 2) non ha un'idea precisa in proposito, e ti risponderà in modo differente se gli rifai la stessa domanda tra cinque minuti. Queste sono le risposte che ho dato io, magari possono essere un punto di partenza per una conversazione sui viaggi nel nord Europa.

Premetto che in questo contesto ho usato usa il termine "Scandinavia" in senso molto ampio, includendo anche la Finlandia - che utilizza una lingua completamente differente da quelle delle Nazioni vicine - e l'Islanda, che geograficamente è per in Europa e metà nel continente americano. Stiamo quindi parlando del gruppo di Stati comunemente noti come Paesi nordici, ma visto che sono pigro userò anche il termine Scandinavia..

Danimarca


Siamo stati in Danimarca nel 2015, ed e’ stata la nostra prima visita in Scandinavia. Abbiamo trovato cieli plumbei e una sensazione di freddo che va al di la’ delle condizioni meteorologiche di febbraio: abbiamo girato la città per i fatti nostri, mia moglie ed io, un po’ a piedi, un po’ coi mezzi pubblici, senza scambiare più di poche parole con i locali (il cameriere di un caffè, l’addetta alla reception in albergo) che ci sono parsi più spenti delle persone che abbiamo incontrato nelle visite successive in Scandinavia; la conversazione più interessante e’ stata con tassista che si e’ dichiarato “curdo, danese e turco (nell’ordine).
Il grigiore non era limitato al cielo danese, anche molti angoli della città sembravano un po’ squallidi. E poi c'è stato anche un attacco terroristico con vittime in una sinagoga e in un centro culturale, durante la nostra visita. Il tutto ha contribuito a rendere il nostro primo incontro con la Danimarca poco memorabile. Ne ho parlato in A Copenaghen in cerca di Martin Rohde e Michael Laudrup.

CopenhagenCopenhagen

Finlandia


Siamo stati in Finlandia a Pasqua, nel 2015, e nonostante il freddo e l’intensa nevicata che abbiamo trovato, ne abbiamo ricavato un’impressione migliore rispetto alla Danimarca, un po’ perché il nostro albergo era cosi’ vicino al centro città da rendere superflui i mezzi pubblici, un po’ per il bel sole spuntato la domenica, e un po’ (anzi, tanto) perché a Helsinki ho ritrovato un ex collega, che a Londra (dove lavoravamo insieme) si comportava da freddo nordico, mentre nel sul Paese si e’ dimostrato espansivo, affettuoso, quasi mediterraneo. Abbiamo esplorato Helsinki un po’ da soli e un po’ con lui, e ci sono rimaste impresse positivamente tante cose viste in città. Ne ho parlato in Pasqua a Helsinki.

HelsinkiGita fuori porta, Helsinki

Islanda


Abbiamo visitato l’Islanda tre volte nel 2016-2017, abbiamo sempre noleggiato delle auto per andare in giro in modo autonomo, abbiamo trovato condizioni meteo - d’inverno - tra il soleggiato e le tempeste di neve. Abbiamo visitato la costa meridionale, quella occidentale e quella settentrionale. Abbiamo le nostre terme preferite, tranquille e nascoste; il nostro B&B di fiducia a Keflavik; e ormai più o meno so in quali incroci rischio di trovare ingorghi. Abbiamo trovato baristi, titolari di B&B e tanta altra gente che aveva voglia di parlare. Alcuni erano allegri, altri giù di morale per il lungo inverno, altri ci hanno parlato di cose molto personali.

In breve: in Islanda ci sentiamo a casa, nonostante non siamo riusciti a vedere l’aurora boreale durante le nostre tre visite. Ho scritto spesso sulla "terra del ghiaccio e del fuoco"; l’elenco degli articoli sull’Islanda e’ qui.

Norvegia


Abbiamo scoperto la Norvegia da poco: e’ stato il nostro ultimo viaggio, nel 2020, prima che il pianeta chiudesse per la pandemia. Siamo stati ad Oslo, poi a Tromso (dove abbiamo finalmente visto l'aurora boreale), infine a Bergen, e probabilmente nel 2023 faremo un altro viaggio, questa volta in treno, nella zona dei fiordi vicino a Flam. In tutte e tre le visite siamo stati in hotel in centro, il che ha facilitato esplorazioni urbane e pause. Oslo, Tromso e Bergen sono facilmente visitabili a piedi; abbiamo trovato giornate di sole in tutte e tre le visite, e il freddo e' stato molto tollerabile a Bergen e a Oslo. A Tromso la temperatura e' rimasta ben sotto lo zero durante tutta la nostra visita, il che non e' stata una sorpresa, visto che si trova all'interno del circolo polare artico (in altre parole: vestitevi in modo adeguato al clima). Di Oslo ci sono piaciuti molto i musei: quello del Kon-Tiki e quelli - vicini tra loro - del Fram e il Norsk Maritimt Museum, il museo marittimo norvegese. Molto bello anche il Vikingskipshuset, il museo delle navi vichinghe.

La gente ci è parsa amichevole, e come nel resto della Scandinavia l'inglese è parlato praticamente da tutte le persone che abbiamo incontrato.

OsloOslo

Svezia


Siamo stati a Stoccolma qualche anno fa e a Göteborg pochi mesi fa. A Stoccolma abbiamo trovato una nevicata, il bel museo del galeone Vasa (un museo dedicato ad un fallimento ingegneristico, cosa rara), soldati (al cambio della guardia) e baristi/e che avevano voglia di chiacchierare. A Göteborg abbiamo trovato giornate primaverili (in febbraio!), una città a misura di pedone, e molta vivacità: manifestazioni in supporto dell’Ucraina vicino ad un teatro, gruppi di ragazzi e ragazze che corrono urlando in piazza Gustaf Adolfs, polizia che porta via un tizio ammanettato davanti alla stazione... città vivace, appunto. Lo splendido sole ha reso tutto più bello, ovviamente.

Stoccolma, cambio della guardiaStoccolma, cambio della guardia

In quale Paese tornerei?


In Islanda e Norvegia perché le abbiamo apprezzate molto, tanto da indagare su salari e traslochi. In Finlandia perché mi piacciono le cose fuori posto o trovate in luoghi sorprendenti, e la Finlandia, con la sua lingua completamente differente da quelle degli altri Paesi nordici, soddisfa questo mio interesse. Tornerei in Svezia, perché la visita a Göteborg ha contribuito a darmi una visione più ampia e meno stereotipata della Svezia. E tornerei anche in Danimarca, perché non sono disposto ad accettare che sia cosi’ differente da come l’avevo immaginata.

Nel frattempo mi preparo a vedere la quarta serie di Borgen, serie tv danese di cui ho visto le prime tre serie, che mi hanno fatto venir voglia di tornare nel Paese di Elkjær e Martin Rohde.



Argomenti: destinazioni, Scandinavia

Commenti (0)Commenta

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Ventotto meno sette fa...


Codici consentiti

Potrebbero interessarti...