Italiani all'estero, a cosa non potete rinunciare?

Vivi all'estero e torni in Italia per vacanze: che cosa riporti all'estero? Salumi, prodotti per igiene, giornali?

13/03/2014 | Di Claudio_VL | Commenti: 0

Secondo lo stereotipo dell'italiano all'estero, i connazionali che vivono lontano dal Belpaese chiedono a parenti e amici in arrivo di portar con se' olio d'oliva e alimenti tipici del villaggio natìo, e durante le proprie visite fanno incetta di tali articoli. Sara' ancora vero, visto che ora che i prodotti italiani (la pasta Barilla, la Nutella, la Gazzetta dello Sport) si trovano in tutto il mondo, e cio' che non si trova nei negozi e' acquistabile online? Ci sono ancora cose che, durante le visite a in Italia, gli espatriati acquistano in quantita' industriale e stipano nelle loro valigie, non piu' di cartone?

Io vivo in Inghilterra, dopo anni a Singapore e negli USA (e un precedente periodo in Inghilterra), e ci sono cose che, pur non "speciali" per le loro caratteristiche, e pur non essendo particolarmente ricche di italianita', continuo a comprare in Italia durante le mie visite. Eccole:

- Dentifricio Antica Erboristeria all'eucalipto: ai miei denti piace.
- Shampo Antica Erboristeria alla camomilla, per ricordarmi di quando avevo i capelli chiari.
- Deodorante Sauber, perche' ho impiegato anni per trovare un deodorante che non irritasse le mie ascelle.
- Fotografare, mensile di fotografia che si e' sempre tenuto lontano dalle immagini patinate e dai remunerativi contratti pubblicitari tipici delle altre riviste del settore.

E tu? Quali sono le cose e le abitudini italiane cui non puoi rinunciare quando sei all'estero?


Argomenti: italianità, migranti, vivere all'estero

Commenti (0)Commenta

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Undici meno sette uguale...


Codici consentiti

Potrebbero interessarti...